Vendo Auto a privato: come funziona, vantaggi e svantaggi

La compravendita tra privati è un modello di vendita nel quale il proprietario di un veicolo, senza affidarsi ad alcun professionista o intermediario, ricerca un acquirente che sia disposto ad acquistare il mezzo. Questo sistema ha conosciuto una crescita significativa negli ultimi anni, in quanto la diffusione delle piattaforme per la vendita di usato sul web ha reso più facile la comunicazione con gli interessati e la valutazione delle offerte ricevute.

COME FUNZIONA

Il primo passo per completare una compravendita tra privati è identificare nel dettaglio la propria auto, trascrivendone le caratteristiche ed affidandosi alla carta di circolazione per essere sicuri di annotare soltanto informazioni corrette. Oltre ai dati oggettivi, per identificare un'automobile ne vanno presi in considerazione anche altri particolari legati all'usura delle parti meccaniche o ai segni che il tempo ha lasciato sulla carrozzeria: niente deve passare inosservato, in quanto tutti gli elementi concorrono a determinare il prezzo di vendita appropriato.

Una volta che si hanno chiaramente presenti tutte le caratteristiche della propria auto, occorrerà predisporla allo scatto delle fotografie con cui corredare l'annuncio. Questo significa procedere ad una pulizia completa sia all'esterno che all'interno, in modo tale che gli scatti immortalino il veicolo nella migliore delle sue condizioni. Le foto devono essere chiare ed esplicative, dunque devono mostrare integralmente ogni fianco della vettura, gli interni e tutti i segni particolari che possono influenzarne il valore.

La raccolta delle informazioni e del corredo fotografico sono la base per la costruzione dell'annuncio. Questo è consigliabile che venga pubblicato sulle piattaforme più note ed utilizzate, come AutoScout, Subito e eBay Motori: il grande numero di visite ricevute da questi siti rende il contatto con i compratori molto immediato, ed eventualmente può essere una buona idea quella di finanziare il posizionamento del proprio annuncio con i servizi dedicati da tutte queste piattaforme. La scrittura deve essere scorrevole e sintetica, mettendo in evidenza le caratteristiche più importanti del veicolo già ad un primo sguardo: modello, chilometraggio e anno di immatricolazione sono i criteri di maggiore rilevanza, ma anche allestimento ed optional aggiuntivi sono elementi che i compratori desiderano ritrovare nelle prime righe dell'annuncio.

Per determinare il prezzo che si può richiedere per la propria auto, va eseguita una ricerca metodica. Per prima cosa si può fare riferimento ai servizi di quotazione, come quello molto celebre di Quattroruote.it, i quali calcolano il valore di un veicolo a partire da un algoritmo algebrico. Questa ricerca andrà poi integrata con dei dati di base reale, ovvero la cifra determinata dalla valutazione dovrà essere paragonata a quelle presenti sugli annunci già pubblicati in rete. Momenti diversi dell'anno e diverse aree geografiche, infatti, possono influenzare la domanda del mercato delle auto usate, provocando un rialzo o un ribasso dei prezzi di vendita.

Una volta che la stesura sarà stata completata, si potrà procedere a pubblicare l'annuncio e attendere che gli interessati si facciano avanti. Seguirà una fase di contrattazione, in quanto è prassi che il prezzo richiesto dai privati per le proprie vetture in rete sia leggermente trattabile; i contatti possono avvenire, tuttavia, anche a semplice titolo informativo: prima di comprare un bene di elevato valore come una macchina, infatti, molte persone preferiscono avere un contatto preventivo con il venditore per rivolgergli delle domande sul mezzo. Una volta che si è giunti ad un accordo, poi, si procede a fissare un incontro di persona ed eventualmente una prova su strada, in modo tale che l'acquirente possa testare il proprio feeling alla guida del veicolo.

L'ultima fase del processo riguarda gli adempimenti burocratici necessari per far sì che la proprietà del veicolo passi formalmente dal proprietario precedente a quello subentrato. Il primo passo è quello di completare l'atto di vendita, autenticando le firme su di esso affinché questo sia valido per la trascrizione nell'albo del PRA. Le due parti contraenti si recheranno ad uno Sportello Telematico dell'Automobilista, consegnando tutta la documentazione e l'atto di vendita, dopodiché il personale procederà ad aggiornare il registro pubblico.

FUNZIONAMENTO DEI SITI DEDICATI

Per comprendere meglio come funzionino i siti web dedicati alla vendita di auto usate, questi si possono considerare come una vetrina di annunci. Le pagine di questi domini raccolgono numerosissime inserzioni, che possono essere raggiunte dagli utenti tramite una ricerca per parole chiave da inserire nell'apposito spazio.

Inserire un annuncio sui siti web dedicati alla vendita di usato è solitamente gratuito; il modulo per la pubblicazione è preimpostato, dunque per identifiare con precisione il proprio veicolo è sufficiente compilare i campi nel modo appropriato: questo sistema tende ad uniformare la forma degli annunci e rende la navigazione più immediata.

Vi sono dei servizi aggiuntivi che possono essere acquistati pagando una tariffa solitamente moderata. Queste funzionalità aggiuntive permettono di far acquisire al proprio annuncio una maggiore visibilità all'interno del sito su cui è pubblicato. Normalmente ciò avviene facendo comparire l'inserzione sempre tra i primi risultati di ricerca, oppure direttamente sulla home page del sito dove verrà visualizzata da un gran numero di potenziali acquirenti.

Il funzionamento dei siti per la vendita di usato è così comprovato che molti concessionari ormai li usano al pari dell'esibizione del veicolo presso la propria struttura: la digitalizzazione è sempre più marcata, dunque professionisti e privati possono trovare entrambi molto utili queste piattaforme per vendere automobili di seconda mano.

VANTAGGI DI VENDERE L'AUTO AD UN PRIVATO

La compravendita tra privati è un modello molto diffuso, in quanto presenta diversi vantaggi molto comodi per chi vende la propria auto. L'aspetto fondamentale di questo modello di vendita, da cui i suoi pro derivano, è che non prevede in alcun modo la presenza di intermediari; i concessionari ed i Compro Auto operano sul mercato dell'usato automobilistico con il fine di realizzare un profitto, dunque i loro clienti devono necessariamente rinunciare ad una parte del ricavato per accedere ai servizi di vendita diretta, permuta o conto vendita.

Il primo vantaggio della compravendita tra privati riguarda la possibilità di stabilire autonomamente il prezzo di vendita. Questo significa che, nel complesso, si tratta del metodo più efficiente dal punto di vista economico: anche se chiaramente le richieste fuori mercato destano difficilmente l'interesse degli acquirenti, è possibile ottenere dalla vendita delle cifre interessanti rispetto a quelle proposte dai professionisti.

Un secondo vantaggio riguarda la disponibilità immediata del denaro: solitamente si procede, infatti, a saldare la vendita con un assegno circolare o in contanti. La differenza principale si nota se si paragona la compravendita tra privati alla permuta presso un concessionario, dove invece il proprietario del veicolo non ottiene fisicamente dei soldi: questo tipo di negozio giuridico si fonda sullo scambio, dunque al cliente del concessionario non viene riconosciuto altro che uno sconto sull'acquisto di una nuova auto.

SVANTAGGI

A fronte degli indubbi vantaggi, vanno considerati anche gli svantaggi del vendere la propria auto a privati. Vediamo i principali: